CENTRO D'ARTE 89. Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Storia

Logo Art89Il Centro d’Arte 89 nasce da una breve esperienza artistica vissuta con il pittore brindisino Graziano Miglietta. Dall’organizzazione della collettiva di pittura “LO SPORT E’ VITA” del 1988 si passa all’idea di costituire un sodalizio con l’obiettivo di assistere i giovani artisti, espressione delle accademie e degli istituti d’arte della provincia di Bari. A capo di tale sodalizio avrebbe dovuto esserci Graziano Miglietta. La morte prematura del caro amico di famiglia porta alla scelta di istituire un’associazione in sua memoria e con il suo nome.


Si decide di continuare con quella che era stata la sua idea appoggiata da una decina di pittori che poi sono diventati i fondatori: Chiara Stella Serena, Marcello Scaringella, Enzo Saponaro, Isa Antonino, Marilena Piscopo, Pietro Giulio Pantaleo, Rosa Finetti.
Il primo consiglio direttivo, nel mese di aprile, era così composto Pietro Giulio Pantaleo (Presidente), Chiara Stella Serena (Vice Presidente),Enzo Saponaro (Tesoriere), Isa Antonino (Segretaria), Marcello Scaringella.
Nei primi anni di attività le manifestazioni pittoriche si organizzavano in locali di “fortuna” per la difficoltà di trovare una sede confacente alle esigenze derivanti dalla volontà operativa.

 

Nel 1995 dopo una visita fortuita in un frantoio ipogeo di Via Capitaneo, il Presidente prende la decisione, poi condivisa da tutto il Consiglio Direttivo, di restaurare in economia quel luogo ameno destinato a discarica di rifiuti per farlo diventare il luogo più appropriato per lo svolgimento di attività artistiche e non solo…
Quel luogo viene inaugurato il 20 novembre 1996, dopo quasi un anno di lavori per renderlo agibile e vivibile, dal direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari prof. Mario Colonna. Intervengono inoltre, tra i tanti, il prof. Vito Lozito, scrittore e storico, la prof. Maura Del Vescovo Lospalluti per ITALIA NOSTRA, il Presidente dell’Archeoclub di Bari, il Presidente della Provincia di Bari, un Delegato del Sindaco di Bari, e tantissime altre autorità pubbliche.
In poco tempo quel luogo diventa contenitore di importantissime iniziative di arte pittorica, di musica, di teatro, di letteratura, di gastronomia, di convegni e allestimenti di ogni genere culturale.


Nel frantoio ipogeo di Palese arrivano Giuseppe Signorile e Michele Ardito e con loro incomincia una frequente e prestigiosa collaborazione. E poi Enzo Varricchio, Francesco Salamina, Silvana Di Corato, Alessandra Lama, Enzo Chiatante, Mimmo Avellis, Anastasia Olivotto, Alba Amoruso, Michele Campione, Gustavo Delgado, Gino Locaputo, Umberto Binetti, Paola Lopez, Annalisa Rutigliano, Francesco Brollo, Vito Giuss Potenza, Vittorio Stagnani, Leonardo Lospalluti, Rocco Barbarito, Maria Bonaduce, Vito Piscopo, Silvano Formigli, Vittorio Cavaliere, Claudio Riolo, Alessandro Masnaghetti, Andreas Merz, Osman Saladin Osman, Abbas Bifrifua, Olimpia Amati, Francesco Scoditti, Raffaele Falagario, Angelo Neve, Carlo Dicillo, Pino Guario, Daniela Poggiolini, Leonardo Napolitano,Oronzo Cramarossa, Antonio Longo, Donato Forenza,Renato Scarpati, Franco Fiorentino, Gianluca Paparesta.


Le manifestazioni Paint Art Box, Una serata a regola d’arte, In mediam turbam, Presepe vivente, Art Beat Music Festival, In contemporanea artisti e atleti (Giochi del Mediterraneo), il Festival del Mediterraneo. I documentari In loco qui dicitur Arenarum, I trappeti. La produzione del film All’alba saliremo il monte per la regia di Vito Giuss Potenza.
Poi l’istituzione del Premio “Graziano Miglietta”, giunto alla terza edizione nel 2015, importante riconoscimento per coloro che hanno interagito con il Centro d’Arte 89 e hanno diffuso le nostre finalità.


Da ottobre 2015 è tutta un’altra e nuova storia …

{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Sign up to the our Newsletter