CENTRO D'ARTE 89. Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

ILFATTO.NET MOLFETTA. “BLUE ECONOMY”, IL MOLFETTESE DOMENICO PETRUZZELLA PRESENTA LA LAMPARA A LED

MOLFETTA - Si è parlato  di  “Blue Economy: dalla tradizione all’innovazione” sabato 1 ottobre presso le Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie con Domenico Petruzzella, Vice Presidente Nazionale Confartigianato Giovani e amministratore della Geba s.r.l., Angelo Farinola di FerderPesca e Mario Mastrapasqua armatore.

Ha moderato Domenico De Gennaro che ha sottolineato come la blue economy, branca nuova della green economy,  parta già con l’appoggio e la spinta delle istituzioni che forniscono spesso le risorse necessarie a fronteggiare le realtà dei nostri mari.

D.D.G: Che cos’è la blue economy?02Ott16 IlFattoNET

Domenico Petruzzella:  “E’ l’evoluzione della green economy, quella per intenderci dei pannelli fotovoltaici e dei suoi incentivi. Le risorse energetiche  naturali e le imprese si incontrano ora in un processo  che crea nuovi scenari.  E’ qui che si inserisce la blue economy generando posti di lavoro e occupazione.”

D.D.G.: Blue economy e realtà professionali quindi?

Angelo Farinola: “In America il 60% del PIL deriva dalla blue economy che occupa una fascia di popolazione di età  medio alta. In realtà questo accade perché c’è poca formazione nelle scuole nel settore marittimo e ittico. La blue economy offre molti posti di lavoro ma la formazione deve avvenire in giovane età.”

D.D.G.: Ci sono difficoltà nel reperire personale nel comparto pesca?

Domenico Petruzzella:  “Ogni innovazione economica porta posti di lavoro. Nei prossimi 10 anni ci saranno 100 nuove innovazioni e 100 milioni di posti di lavoro con la Blue Economy, così come afferma il titolo del libro dell’ideatore della Blue Economy. Sono occasioni da cogliere al volo, studiando  metodologie e tecnologie innovative.”

D.D.G.: La blue economy è legata anche a un sistema socio-culturale?

Angelo Farinola: “L’inventore della blue economy è il tedesco Gunter Paoli che la definisce come l’esercitare attività economiche in modo sostenibile. Con tale termine  Paoli identifica e nello stesso tempo promuove un fenomeno che si traduce nella diffusione «a cascata» di nuova energia e nella «rottamazione» dei processi produttivi non sostenibili. Quando parliamo di raccolta porta a porta, di riduzione al massimo dei consumi e degli sprechi con l’obiettivo di azzerare i rifiuti siamo nella blue economy. Così quando riutilizziamo delle attrezzature obsolete innovandole. Pensare blue è un aspetto culturale, certo.”

D.D.G: Pensi che il mondo della blu economy possa avere un risvolto veloce?

Mario Mastrapasqua: “Tra gli armatori sono sempre mancati piani di formazione, necessaria anche per il comparto ittico. Le tecnologie in mare sono fondamentali ma sono scarse perchè si investe poco in attrezzature e sicurezza.”

D.D.G: Dal punto di vista dell’innovazione c’è supporto economico alle imprese tramitei Finanziamenti europei e regionali?

Angelo Farinola: “L’impresa non sempre può accedere al finanziamento poiché deve coprire le spese per il 60% del piano economico. I problemi sono molti, quali ad esempio l’adeguamento tecnologico, non è solo un problema di informazione.. Quando l’innovazione incontra la tradizione si ha il connubio perfetto; fare qualcosa di diverso da quello che si faceva 30 anni fa nella pesca è cosa facile!”

D.D.G Domenico, rappresenti una società che è legata all’innovazione, la GEBA srl, in cosa esattamente?

Domenico Petruzzella: “Leonardo è un progetto nato nel 2012 quando scoprimmo come il LED potesse essere legato alla navigazione e creammo un sistema di lampare caricato a batterie per ridurre il consumo insostenibile delle vecchie lampadine. Il forte risparmio energetico garantito da un sistema assolutamente ecologico e l’ottimizzazione della potenza dissipata ne ha fatto un sistema innovativo e esportabile in tutt’Italia per il momento.

Una dimostrazione del progetto Leonardo è stata messa a disposizione degli armatori presenti in sala.”

Anche rispettando la natura  si può creare economia.

Paola Perruccio

02 ott 16

{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Sign up to the our Newsletter